Sport

Benvenuta Promozione

Dopo tanti anni di declino, il Patti Calcio, ritorna in una categoria che senza alcun dubbio merita. 
La città aspettava con trepidazione questo obiettivo ed è arrivato grazie ad una valida società che, ha sempre creduto in questo progetto; ma soprattutto, grazie a un manipolo di giocatori che si sono spesi, facendo molti sacrifici per raggiungere un sogno che rimarrà nella storia della città nebroidea. 
Una stagione da incorniciare per il presidente Nunzio Canduci, iniziata con l’obiettivo di puntare ai play off. Ma col passare delle giornate, vittoria dopo vittoria, si sono dovuti ricredere tutti. 
Non sono mancati, però, i momenti di sofferenza per i ragazzi di Tinuccio e Salvatore Giarrizzo, che hanno dovuto fare i conti con i tanti infortuni, uno tra tutti, quello capitato allo sfortunato giocatore Carmelo Buzzanca, lo scorso novembre contro il Pro Tonnarella e per il quale, è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico al crociato. Ma si sa che un calciatore non si arrende mai e Carmelo, non ha smesso di combattere e incitare la propria squadra nemmeno un secondo. E alla fine, è tornato nella rosa. 
Degni di nota, sicuramente sono i tre gol siglati dal Patti: Il primo (4 in stagione) è stato realizzato da Marco Castellino al 38’, che si rivela un vero “Giaguaro” ed è sempre determinante per la squadra; il secondo porta la firma del “Mattatore” Cristian Adamo al 58’ su rigore, che sancisce la 14esima rete personale, con tanto di dedica alla Moglie Angelina in dolce attesa; e l’ultima rete, non meno importante, segnata dal più piccolo della squadra Emanuele Lisciandro (la prima in stagione), che ha dimostrato di essere un vero “Mastino”, sapendoci fare con il pallone.
Adesso è arrivato il momento dei ringraziamenti.
Un ringraziamento a tutti quelli che hanno consentito tutto questo a partire dai vertici societari (il presidente Nunzio Canduci e l’imprenditore, nonché tifoso Filippo Stroscio); allo staff tecnico (Rosa Raffele Addamo, Emanuele Tramontana, Pippo Testa, e il medico sociale dott. Pasquale Veca). Oltre a Quintino Greco (allenatore portieri) e Nunzio Costanzo (preparatore atletico).
Inoltre, un doveroso ringraziamento va alla tifoseria, appassionata ed esigente, che non ha mai fatto mancare il proprio sostegno ed il proprio applauso ai giocatori, sia in casa che in trasferta. Ma uno speciale ringraziamento va ai giocatori tutti che hanno partecipato alla stagione, anche solo dalla panchina; all’ impegno, alla professionalità, alla serietà, alla voglia e alla passione dimostrata, che ne hanno fatto un gruppo solido e compatto, su cui fondare il “FUTURO”.
A vincere non è stata solo la squadra, ma l’intera città di PATTI che ha dimostrato di avere “Fame di Sport”. E si è visto anche domenica con la presenza di pubblico (seppur ridotta a causa dell’impossibilità di aprire la tribuna centrale) notevole. 
L’unica grande assente, è stata l’amministrazione comunale di Patti (nessun componente presente alla partita), che con una scarsa attenzione alla questione “tribuna coperta”, o forse, a causa della miopia di cui è affetta da molto tempo, non ha saputo cogliere la palla al balzo, per poter risolvere un problema che si protrae da diversi anni, dimostrando che: il futuro…non è tanto in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares